DOMENICA 19 MAGGIO 2013:  FESTA DI PENTECOSTE

 Cari amici

Maria vuole  invocare anche sulla Chiesa di oggi e su ciascuno di noi lo Spirito Santo, lo Spirito del suo Figlio… ne abbiamo tanto bisogno. Guidati da Lei potremo trovare  anche noi come  gli apostoli luce e forza per testimoniare il vangelo  nel mondo…

PAPA FRANCESCO HA PARLATO COSI… 

“NON SI È CRISTIANI A TEMPO,  SOLO IN ALCUNE CIRCOSTANZE  

O SOLTANTO PER ALCUNE SCELTE.

NO, SI È CRISTIANI IN OGNI MOMENTO, TOTALMENTE”.

Dobbiamo pregare tutti i giorni lo Spirito Santo

perché ci apra il cuore verso Gesù”,

  • Vorrei fare una domanda a tutti voi: ‘Quanti pregano tutti i giorni lo Spirito Santo ? Saranno pochi”. Attraverso lo Spirito Santo, il Padre e il Figlio prendono dimora presso di noi: noi viviamo in Dio e di Dio. Ma la nostra vita è veramente animata da Dio? Quante cose metto prima di Dio?“.
  • abbiamo bisogno di lasciarci inondare dalla luce dello Spirito Santo, perchè Egli ci introduca nella Verità di Dio, che è l’unico Signore della nostra vita”.  “Invochiamo lo Spirito Santo più spesso perchè ci guidi sulla strada dei discepoli di Cristo. Invochiamolo tutti i giorni”. 
  • “Lo farete? Lo farete? Non sento”.  La piazza ha subito risposto con un lungo “Si” e un affettuoso applauso.

 VIENI, SPIRITO SANTO!

 Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce.
Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori.
Consolatore perfetto; ospite dolce dell’anima, dolcissimo sollievo.
Nella fatica, riposo, nella calura, riparo, nel pianto, conforto.
O luce beatissima, invadi nell’intimo il cuore dei fedeli.
Senza la tua forza, nulla è nell’uomo, nulla senza colpa.
Lava ciò che è sordido, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina.


Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò che è sviato.
Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i tuoi santi doni.
Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna.

  • A Maria, Madre della Chiesa 

  1. Aiutaci a guardare il mondo con simpatia e con l’audacia della fede.Vergine santa, che guidata dallo Spirito, “ti mettesti in cammino per raggiungere in fretta una città di Giuda” (Lc 1,39), dove abitava Elisabetta, e divenisti così la prima missionaria del Vangelo, fà che, sospinti dallo stesso Spirito, abbiamo anche noi il coraggio di entrare nella città per portarle annunci di liberazione e di speranza, per condividere con essa la fatica quotidiana, nella ricerca del bene comune.
  2. Donaci oggi il coraggio… di offrire a tutti il nostro servizio disinteressato e guardare con simpatia questo mondo nel quale nulla vi è genuinamente umano che non debba trovare eco nel nostro cuore. Aiutaci a guardare con simpatia il mondo, e a volergli bene.
  3. Fà che nelle mani di noi sacerdoti l’olio degli infermi significhi scelta preferenziale della città malata, che soffre a causa della debolezza propria o della malvagità altrui. Fà che l’olio dei catecumeni, l’olio dei forti, l’olio dei lottatori, esprima solidarietà di impegno con chi lotta per il pane, per la casa, per il lavoro.
  4. E fà che il sacro crisma indichi a tutti gli umiliati e gli offesi della nostra città, ma anche agli indifferenti, ai distratti, ai peccatori la loro incredibile dignità sacerdotale, profetica e regale.
    Come te, Vergine santa, sacerdote, profeta e re, facci entrare nella città. Amen  (D. Tonino Bello)
  •  S. PAOLO SI LASCIAVA GUIDARE COSI’… ATTI, 20. Da Milèto mandò a chiamare subito ad Efeso gli anziani della  Chiesa. 18 Quando essi giunsero disse loro: “Voi sapete come mi sono  comportato con voi fin dal primo giorno in cui arrivai in Asia e per  tutto questo tempo: 19 ho servito il Signore con tutta umiltà, tra le  lacrime e tra le prove che mi hanno procurato le insidie dei Giudei.22 Ed ecco ora, avvinto dallo Spirito, io vado a  Gerusalemme senza sapere ciò che là mi accadrà.. 24 Non ritengo tuttavia la mia vita meritevole di nulla,  purché conduca a termine la mia corsa e il servizio che mi fu affidato  dal Signore Gesù, di rendere testimonianza al messaggio della grazia  di Dio.
  •   LA CHIESA ANCHE OGGI  E’ GUIDATA DALLO SPIRITO SANTO  (NN. 4. 12) Lo Spirito dimora nella Chiesa e nei cuori dei fedeli come in un tempio (cfr. 1 Cor 3, 16; 6, 19) e in essi prega e rende testimonianza della adozione filiale (cfr. Gal 4, 6); Rm 8, 15-16 e 26). Egli guida la Chiesa verso tutta intera la verità (cfr. Gv 16, 13), la unifica nella comunione e nel servizio, la provvede di diversi doni gerarchici e carismatici, coi quali la dirige e la abbellisce dei suoi frutti (cfr. Ef 4, 11-12; 1 Cor 12, 4; Gal 5, 22). Con la forza del Vangelo la fa ringiovanire, la rinnova continuamente e la conduce alla perfetta unione col suo Sposo. Infatti lo Spirito e la Sposa dicono al Signore Gesù: Vieni! (cfr. Ap 22, 17).
  •  + LA MISSIONE DELLO SPIRITO SANTO NELLA CHIESA 
 

O Signore, permettici di parlare tutte le lingue del mondo contemporaneo:

della cultura e della civiltà, del rinnovamento sociale, economico e politico,

 della informazione e dei mezzi di comunicazione sociale.

 
  1.   Come avvicinarsi ai lontani, oggi?  Lo Spirito Santo, ci precede  SEMPRE: a noi il compito di obbedirgli  ATTIc. 8 26 Un angelo del Signore parlò intanto a Filippo: “Alzati, e và  verso il mezzogiorno, sulla strada che discende da Gerusalemme a Gaza; essa è deserta”. 27 Egli si alzò e si mise in cammino, quand’ecco  un Etiope, un eunuco, funzionario di Candàce, regina di Etiopia,  sovrintendente a tutti i suoi tesori, venuto per il culto a Gerusalemme, 28 se ne ritornava, seduto sul suo carro da viaggio, leggendo il  profeta Isaia. 29 Disse allora lo Spirito a Filippo: “Và avanti, e  raggiungi quel carro”. 30 Filippo corse innanzi e, udito che leggeva il  profeta Isaia, gli disse: “Capisci quello che stai leggendo?”. 31 Quegli  rispose: “E come lo potrei, se nessuno mi istruisce?”. E invitò Filippo  a salire e a sedere accanto a lui. …Filippo,  prendendo a parlare e partendo da quel passo della Scrittura, gli  annunziò la buona novella di Gesù. 36 Proseguendo lungo la strada,  giunsero a un luogo dove c’era acqua e l’eunuco disse: “Ecco qui c’è  acqua; che cosa mi impedisce di essere battezzato?”.  Fece  fermare il carro e discesero tutti e due nell’acqua, Filippo e l’eunuco,  ed egli lo battezzò.

 * I PADRI DELLA CHIESA LO SPIEGAVANO COSI’ AI FEDELI … 

  •  L’acqua della pioggia discende dal cielo. Scende sempre allo stesso modo e forma, ma produce effetti multiformi. Altro è l’effetto prodotto nella palma, altro nella vite e così in tutte le cose, pur essendo sempre di un’unica natura e non potendo essere diversa da se stessa. La pioggia infatti non discende diversa, non cambia se stessa, ma si adatta alle esigenze degli esseri che la ricevono e diventa per ognuno di essi quel dono provvidenziale di cui abbisognano. Allo stesso modo anche lo Spirito Santo, pur essendo unico e di una sola forma e indivisibile, distribuisce ad ognuno la grazia come vuole. E come un albero inaridito, ricevendo l’acqua, torna a germogliare, così l’anima peccatrice, resa degna del dono dello Spirito Santo attraverso la penitenza, porta grappoli di giustizia.  Lo spirito si serve della lingua di uno per la sapienza. Illumina la mente di un altro con la profezia. A uno conferisce il potere di scacciare i demoni, a un altro largisce il dono di interpretare le divine Scritture. Rafforza la temperanza di questo, mentre a quello insegna la misericordia. Ispira a un fedele la pratica del digiuno, ad altri forme ascetiche differenti. C’è chi da lui apprende la saggezza nelle cose temporali e chi perfino riceve da lui la forza di accettare il martirio. Nell’uno lo Spirito produce un effetto, nell’altro ne produce uno diverso, pur rimanendo sempre uguale a se stesso  + ACQUA VIVA DELLO SPIRITO – S. CIRILLO GER.
  • LETTERA A DIOGNETO:  –Sebbene ne sia odiata, l`anima ama la carne e le sue membra,  così anche i cristiani amano coloro che li odiano. L`anima è rinchiusa nel corpo, ma essa a sua volta sorregge il corpo.  Anche i cristiani sono trattenuti nel mondo come in una prigione, ma sono essi che sorreggono il mondo. Cfr.  I cristiani nel mondo – LETT. A DIOGNETO
  •  ANZITUTTO LO SPIRITO ILLUMINA LA MENTE di colui che lo riceve e poi, per mezzo di questi, anche degli altri. E come colui che prima si trovava nelle tenebre, all’apparire improvviso del sole riceve la luce nell’occhio del corpo e ciò che prima non vedeva, vede ora chiaramente, così anche colui che è stato ritenuto degno del dono dello Spirito Santo, viene illuminato nell’anima e, elevato al di sopra dell’uomo, vede cose che prima non conosceva.    
  • Senza lo Spirito Santo  Dio è lontano,
    Cristo rimane nel passato, il Vangelo è lettera morta,
    la Chiesa è una semplice organizzazione, l’autorità è una dominazione, la missione una propaganda,
    il culto una evocazione, e l’agire dell’essere umano una morale da schiavi.
    MA NELLO SPIRITO SANTO: 
  1. IL COSMO È SOLLEVATO E GEME NELLA GESTAZIONE DEL REGNO,
  2. CRISTO RISORTO È PRESENTE, IL VANGELO È POTENZA DI VITA,
  3. LA CHIESA SIGNIFICA COMUNIONE TRINITARIA,
  4. L’AUTORITÀ È UN SERVIZIO LIBERATORE,
  5. LA MISSIONE È UNA PENTECOSTE,
  6. LA LITURGIA È MEMORIALE E ANTICIPAZIONE,
  7. L’AGIRE UMANO È DIVINIZZATO.
    (Patriarca Atenagora)

  INVOCHIAMO LO SPIRITO PER RICEVERE I SUOI DONI:   

  •  Vieni Spirito di Sapienza: facci gustare la dolcezza della Parola di Dio, la tenerezza del suo Amore, la pace che ci viene dal rispondere alla chiamata di  Dio.
  • Vieni Spirito d’Intelletto: donaci di saper guardare con verità il nostro cuore per scoprirvi la presenza di Dio; sii tu il Maestro interiore che ci guida  a comprendere il progetto d’amore di Dio per ciascuno di noi. 
  • Vieni Spirito di Consiglio: suggerisci al nostro cuore ciò che conviene domandare al Signore; ricordaci sempre le Parole del Maestro perché in ogni situazione della nostra vita possiamo individuare la strada giusta da percorrere per giungere alla gioia piena.
  • Vieni Spirito di Fortezza: irrobustisci la nostra fede, perché possiamo  rendere ragione della nostra chiamata; donaci il coraggio che ci fa essere autentici testimoni del nome di Cristo.    perché in ogni situazione della nostra vita possiamo individuare la strada giusta da percorrere per giungere alla gioia piena. 
  • Vieni Spirito di Scienza: rendici capaci di conoscere, amare e seguire Cristo nel cammino della vita;  insegnaci a pensare, ad agire, a scegliere come Gesù ha pensato, agito, scelto.     
  • Vieni Spirito di Pietà: crea in noi la coscienza di essere figli amati da Dio Padre, fatti ad immagine del Figlio Gesù e ricolmi della gioia dello Spirito che da la vita.      
  •  Vieni Spirito di Timore di Dio: rendici consapevoli dell’amore paterno di Dio e facci sempre attenti a accogliere, nel nostro cammino, i segni e le persone con cui Dio ci rivela la sua volontà.    

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

3 comments

  1. If ѕⲟme one needs to be սρԁatеⅾ ᴡіtһ Һоttеst tecҺnoⅼοɡіᥱѕ aftегաаrⅾ һе mսѕt Ьe ρаʏ ɑ ѵiѕіt tҺіѕ ԝᥱƄ sіtе and Ье սρ tо datе ⅾaіly.

  2. Lo Spirito D’AMORE , Spirito SANTO … e nella mia grande “ignoranza” , nella mia difficoltà a pregarLo sento però il bisogno di mettermi in gioco , di crescere , di ascoltare l’invito del Papa “invochiamo lo Spirito Santo ..invochiamolo. Lo farete ?”

    E voglio sperare che anche questa preghiera..mi aiuterà.

    Preghiera allo Spirito Santo

    Vieni, o Spirito Santo,
    e donami un cuore puro,
    PRONTO AD AMARE CRISTO SIGNORE
    con la pienezza, la profondità, la gioia
    che solo tu sai infondere.

    Donami un cuore puro,
    come quello di un fanciullo,
    che NON CONOSCA IL MALE
    SE NON PER COMBATTERLO E FUGGIRLO.

    Vieni,o Spirito Santo,
    e donami un cuore grande,
    APERTO ALLA TUA PAROLA ispiratrice, e chiuso ad ogni meschina ambizione.

    Donami un cuore grande e forte ,
    capace di amare tutti,
    DECISO A SOSTENERE per loro
    OGNI PROVA, NOIA E STANCHEZZA,
    OGNI DELUSIONE e offesa.

    Donami un cuore grande,
    FORTE E COSTANTE FINO AL SACRIFICIO,
    FELICE SOLO DI PALPITARE CON IL CUORE DI CRISTO,
    e di compiere U M I L M E N T E ,
    F E D E L M E N T E , e
    C O R A GG I O S A M E N T E LA VOLONTA’ DI DIO.
    Amen
    ( Paolo IV )

  3. “Instaurare omnia in Christo” (Ef. 1,10)

    Este es el fuego del Espíritu. De San Pablo, de Don Orione, de todos los santos y mártires de la Iglesia. Es el de Jesús: “He venido a traer fuego al mundo, ¡y cuánto quisiera que ya estuviera ardiendo!” (Lc. 12,49). El amor de la entrega en la cruz, que conquista el corazón de Don Orione. “El amor ve mas que la razón. La experiencia es mas que la reflexión” (Francisco). En el encuentro con Cristo, se encuentra el punto para ir al encuentro del otro. El corazón del hombre se engrandece para ser capaz de ver la grandeza de Dios, y ver a Dios en el hombre. Desde la fragilidad de la miseria del pecado propio perdonado. El alma se engrandece en Dios.
    Doy gracias a Dios que me eligió en el sacerdocio ministerial, mediador en Cristo, y me ha destinado para que “vaya y dé fruto, y ese fruto permanezca” (Jn. 15,16).
    Dios nos bendiga. Y su madre, en cuyo seno la Palabra se hizo carne, nos proteja.

    P. Abel Julián Padín Obra Don Orione
    JESÚS – MARÍA – PAPA – ALMAS

    XXX ANIVERSARIO DE ORDENACION SACERDOTAL
    Mar del Plata, 14 de mayo 1983-2013
    Los recuerdo e invito a la Santa Misa:
    Domingo 19 de mayo 11 hs
    Parroquia San José – Obra Don Orione
    Matheu 3349 – MAR DEL PLATA (PBA)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *